Maniscalco

                           Maniscalco                              

Maniscalco Roma                                    


Maniscalco  Venezia                                 


Maniscalco Toscana                                 




Maniscalco Milano                                   


Maniscalco Veneto                                   


Maniscalco Bologna                                 


Maniscalco Mirano                                  


Maniscalco Padova                                  



Maniscalco Sardegna                              


Maniscalco Sicilia                                    




Mercati qui

                                                 


Mascalcia Italy                              



Stage ed ancora stage a “la Caminata”
Vi consigliamo di lasciarvi trasportare dall’articolo che segue, un racconto leggero, vero ed appassionato; leggendolo sembra quasi di esserci stati…
Un ringraziamento al nostro collaboratore Giorgio Biffi, sempre presente.
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Sabato 6 Agosto la Caminata, splendida frazione del Comune di Coli (Pc) posta a seicento metri di altitudine sull’Appennino che fa da spartiacque tra Emilia e Liguria affacciandosi sulle anse del fiume Trebbia, si é animata grazie all’evento creato da Ivano Scotti in collaborazione con la SIM (Società Italiana di Mascalcia) e Sportendurance.
Alle ore 9.00 presso l’ASD “Scuderia la Caminata” ha avuto inizio una nuova tappa del progetto “Mascalcia: Arte della Forgiatura e Ferratura del Cavallo” che si propone di divulgare e rendere accessibile a tutti (specialisti del settore, tecnici, cavalieri, allevatori e amanti del cavallo) le conoscenze relative all’Arte della ferratura e forgiatura di cui la scuola militare italiana é stata centro di eccellenza per tanto tempo e che ora rischia di essere messa in ombra a causa del proliferare di improvvisatori non qualificati o adeguatamente formati e della disattenzione e poca importanza che i cavalieri spesso dimostrano.
Purtroppo sempre più spesso ci capita di sentire raccontare storie di cavalli che hanno fatto una brutta fine o comunque hanno sofferto a causa di una non corretta ferratura e che solo dopo un’esperienza cosi negativa un proprietario si é chiesto: chi mi ferra il cavallo?, che preparazione ha? come e con cosa ferra?
A onor del vero va detto che non é facile orientarsi in questo ambito dell’equitazione.
Proprio a partire da queste premesse é nato il Progetto Mascalcia che grazie all’interesse e l’organizzazione del Tecnico Federale di III° Livello Ivano Scotti ha riunito le sinergie di grandi professionisti del settore provenienti dalla Scuola Militare di Grosseto nelle persone di Stefano Falaschi (Presidente SIM) e Roberto Pellesi (Vice Presidente SIM), il fotografo ufficiale dell’Endurance internazionale Giorgio Biffi e la seria capacità comunicativa e divulgativa del sito Sportendurance. Quest’ultimo magazine on-line ha creato e messo a disposizione uno spazio interamente dedicato al settore Mascalcia rendendo possibile agli interessati dialogare con i Maniscalchi ed essere a conoscenza degli eventi organizzati al fine di incontrare personalmente e vedere questi grandi professionisti all’opera.

Si comincia
La tappa di Caminata segue quelle di Montechiarugolo e di Campalto.
Tutto é pronto, le incudini sono posizionate sui ceppi, gli attrezzi ordinatamente riposti nei carrellini, le forgie calde ed ecco lo scalpiccio delle prime due cavalle che si prestano a fare da modelle, sono tranquille e piacevolmente sorprese delle mille attenzioni che vengono loro rivolte (femmine…), docilmente si lasciano esaminare prima e ferrare poi.
Si comincia tra gli scatti dei fotografi, Stefano apre questo incontro con un breve discorso introduttivo sulla storia della ferratura, l’interesse é catturato, da questo momento fino alla fine della giornata sarà un continuo susseguirsi di dimostrazioni, spiegazioni, domande e risposte in un clima sereno e conviviale.
Sono davvero tante le facce che si avvicinano, maniscalchi e proprietari iscritti allo stage che non si sono lasciati sfuggire questa occasione nonostante il periodo di ferie, ma anche semplici curiosi che si fermano ad ammirare richiamati dallo scampannellio dei martelli che picchiano sulle incudini e tanti bimbi con lo sguardo incantato.
Il programma prevede una pausa pranzo in Club house per fortuna, dove il mitico Ennio, lo chef ufficiale della scuderia, ci fa trovare un banchetto degno di uno sposalizio.
Con una certa fatica dopo un lauto pranzo, del buon vino e tante chiacchiere come tra vecchi amici, si torna alle incudini.

Batti e ribatti
La giornata é lunga, il lavoro tanto e alla fine cinque cavalli hanno dei ferri nuovi tutti forgiati a mano in base alle specifiche esigenze e particolarità di appiombo, andatura, tipo di lavoro svolto, età o patologia.
E’ il momento di salutare nuovi e vecchi amici, che soddisfatti della giornata, dell’altissimo livello delle conoscenze e competenze condivise subito ci chiedono quando e dove sarà il prossimo appuntamento. Tra tutti vogliamo ricordare i maniscalchi Adriano Vanni, Andrea Baragiola, compagno e maniscalco dell’atleta nazionale di endurance Martina Lui, Igor Tornari (che ha appena concluso con successo la formazione alla scuola di mascalcia di Grosseto), Guido Gazzella e Luciano Mezzaschi, i cavalieri Laura Scotti, Luigi Silvia e Luca Gini, Ivana Azimi con Isaac, Stefania Malaspina, Chiara Cilluffo, Matteo Innocenti, Elena e Roberto Armani, Pinuccio e tanti altri.

Bambini apprendono
Ma la folla di estimatori stenta a disperdersi, il sole é calato da tempo, i cavalli riposano rifocillati nei grandi pascoli della scuderia, nonostante la giornata sia stata lunga, contagiati dall’entusiasmo generale, Roby e Stefano rimettono mano agli attrezzi e le forgie si riaccendono, prendono forma ferri, coltellini e attrezzi vari forgiati al momento da regalare ai presenti.
Ci si ritrova di nuovo in Club House per la cena, un gruppetto ristretto che comprende il nostro maniscalco Roby Pellesi, Stefano e il Vanni, che si fermeranno a dormire per concludere l’indomani la ferratura di tutti i cavalli della scuderia, e pochi amici. La serata riporta l’eco della splendida giornata trascorsa e in allegria si fanno le ore piccole dandosi un nuovo appuntamento sempre alla Caminata per ottobre.

il "trio"
E’ domenica mattina, alle sette il caffé é pronto e, richiamati dall’aroma, ecco che i nostri infaticabili maniscalchi si presentano al tavolo della colazione ma con nostra enorme sorpresa non sono soli, di nuovo spuntano amici, vicini, passanti e tanti bimbi avidi e ansiosi che lo spettacolo ricominci.
Non potremmo essere più soddisfatti!!!
Un grazie di cuore a tutti quelli che hanno reso possibile questo successo dando il proprio contributo, un grazie speciale a Sportendurance.
Alla prossima,
Lucia e Ivano Scotti
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Cavallo salvato dal macello: seconda puntata
Vi ricordate l’articolo pubblicato su Sportendurance sezione mascalcia di qualche tempo fa che parlava di un quarter horse salvato dal macello? Ebbene la storia continua…
Roberto Pellesi salvò con una ferratura particolare il cavallino che presentava lassità tendinea del flessore profondo del posteriore sinistro.
Dopo un paio di mesi siamo andati a trovare di nuovo il fortunato quarter che necessitava di “cambio scarpa”!
Di seguito l’evoluzione in positivo della situazione dello zoccolo in oggetto.
Bravo Roberto
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
“Non accontentarti del primo venuto”, parola di Stefania Malaspina
Abbiamo ricevuto questa lettera e leggendola tutta di un fiato; trasportati dal contenuto non abbiamo potuto non pubblicarla sperando che qualcuno possa fare tesoro dall’esperienza vissuta da Stefania che ringraziamo per il contributo inviatoci.

Stefania e Safian
“Mi chiamo Stefania, sono proprietaria di un Puro Sangue Arabo di 6 anni e ogni giorno mi dedico alla sua cura con l’intento di permettergli di vivere secondo la sua natura in modo confortevole.
Mi sono sempre preoccupata di assicurargli il foraggio migliore, un paddock spazioso, finimenti adatti, ma solo da poco mi sono resa conto di aver sempre trascurato un aspetto fondamentale: la ferratura.
Per ignoranza, purtroppo diffusa, mi sono accontentata di un maniscalco qualunque, non curandomi del fatto che ferrature non professionali hanno enormi ripercussioni negative non solo sull’arto del cavallo ma su tutto il suo equilibrio muscolo-scheletrico e quindi sullo stato di salute complessivo.
A pensarci bene, l’opera del maniscalco è fondamentale poiché a livello dello zoccolo si vengono a scaricare tutte le forze che determinano il movimento del cavallo e pertanto, anche un solo piccolo difetto posturale, può risultare compromettente.
Ho capito che il maniscalco è una figura fondamentale per la Salute del mio cavallo e quindi mi sono attivata nella ricerca di un vero professionista.
La scelta del maniscalco è difficile: i maniscalchi professionisti sono rari e difficili da identificare, ma una buona ferratura è come un buon paio di scarpe: ci fa camminare meglio.
Consapevole che i maniscalchi bravi sono una categoria in via di progressiva estinzione, alla fine, grazie alla sezione di mascalcia inserita recentemente sul vostro sito, sono riuscita nel mio intento.
Volendo affidare il mio cavallo a mani esperte, mi sono rivolta alla “Scuderia La Caminata” e in particolare ad Ivano Scotti e Roberto Pellesi, che periodicamente si dedicano alla ferratura dei cavalli della scuderia stessa.
Roberto Pellesi proveniente dalla scuola del centro Militare dell’Esercito, membro della Società Italiana di Mascalcia (SIM) ha una formazione completa che, unita alla sua esperienza ventennale, fa di lui una vera e propria eccellenza della mascalcia.
Inoltre grazie alle numerose competenze di Ivano Scotti e Lucia Mangiagalli ho potuto correggere alcuni difetti comportamentali miei e del mio giovane cavallo.
Quello che mi hanno insegnato Ivano e Lucia non è solo la tecnica del cavalcare ma è anche la psicologia dell’uomo e del cavallo e come questi interagiscono tra loro, elemento spesso sottovalutato ma importantissimo per creare un solido rapporto di intesa uomo-cavallo.
Ora io e Safian ci intendiamo perfettamente: conosco le sue potenzialità, i suoi difetti e in certe circostanze so affrontarlo con decisione senza lasciarmi intimorire.
Parteciperò inoltre ai diversi stage che la Scuderia organizzerà perché sicuramente saranno un’occasione per imparare e condividere le mie esperienze con professionisti.
Con questo articolo colgo l’occasione per ringraziare queste persone che oltre ad essere preparati, professionisti competenti e onesti, sono anche veri amici, qualità difficili da trovare nel mondo dei cavalli.
Ringrazio anche il portale SportEndurance che ha reso possibile e condivisibile tutto questo”.
Stefania Malaspina
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Il maniscalco gli evita il macello
Il telefonino di Roberto Pellesi squilla, dall’altra parte una voce chiede il suo intervento per un puledro in difficoltà in Emilia Romagna; il tempo di riassettare la cassetta degli attrezzi, accendere il furgone e via…
Lassità tendinea del flessore profondo del posteriore sinistro la diagnosi, il macello è alle porte per il giovane quarter horse!
Roberto si infila i guanti e presi gli arnesi del mestiere, si accinge a creare un ferro ad hoc per correggere ed iniziare il lungo periodo di riabilitazione.
“Quando un puledro nasce con questo problema, solitamente, magari con l’utilizzo di una scarpetta, la guarigione avviene naturalmente, in questo caso il puledro aveva 7 mesi circa ed era stato lasciato al pascolo, troppo tempo”!
Archiviato il discorso scarpetta dunque, il ferro con una prolunga impiantato con piccoli chiodi, è servito a sostenere il nodello ed a ridare speranze al giovane equino.

Roberto Pellesi al lavoro
Complimenti a Roberto, maniscalco di lungo corso, per l’amore e la dedizione dimostrata…
Non abbandonate il vostro amico, lui non lo faebbe mai!!!
Sportendurance copyright
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Nasce il progetto “MASCALCIA”
Era da tempo che da più parti ci veniva chiesto di aprire un’area dedicata solo alla mascalcia dunque, da una recente partnership siglata tra Sportendurance e l’A. S. D. “Scuderia La Caminata”, nasce la sezione dedicata all’ARTE DELLA FORGIATURA E FERRATURA DEL CAVALLO. (tutte le foto sono a cura di Giorgio Biffi)

Giorgio Biffi
Dalla collaborazione tra Ivano ScottiStefano Falaschi e Roberto Pellesi é nato un progetto finalizzato a fare cultura e promuovere la diffusione di conoscenze specifiche nel campo della mascalcia, rivolta a tutti gli appassionati; Sportendurance affiancherà nella comunicazione il progetto.

Giorgio Biffi
Attraverso la realizzazione di incontri a tema, la documentazione fotografica ed esplicativa di sessioni di forgiatura e ferratura, anche curativa di specifiche patologie si vuole condividere questo prezioso patrimonio di conoscenze con chi ha a cuore la salute e il benessere del cavallo.

Giorgio Biffi
Presso la “Scuderia La Caminata” sono in programma una serie di incontri per l’anno 2010-11 sul tema “nozioni sulla ferratura del cavallo”.
Chi volesse intervenire sull’argomento può registrarsi gratuitamente sul nostro sito e commentare gli articoli.
Di seguito l’articolo di presentazione del progetto.

Kommentarer

Populära inlägg